Assemblea del 8/4/2017

Il giorno 8 aprile 2017, alle ore 15,30 si riunisce nel giardino del Casale Podere Rosa l’assemblea dei soci del GAABE, per deliberare sui seguenti punti all’ordine del giorno:

1. Ricerca nuovo produttore carne suina;
2. Situazione Casale Podere Rosa ;
3. Situazione detersivi;
4. Proposta ordine collettivo carta ecologica;
5. Proposta ordine prodotti cosmetici;
6. Gestione generale mansioni, attenzione a orari e consegne;
7. Info fornitura ortaggi consorzio Il Pugnalone;
8. Varie ed eventuali.

Sono presenti 25 soci. Coordina il dibattito Fabio Guardabassi; funge da segretario Renato Conti.

Prende la parola Fabio Guardabassi per dire che quest’assemblea si è resa necessaria per esaminare la situazione e l’organizzazione del gruppo anche in vista di nuove proposte riguardanti i produttori, i referenti e possibili nuovi ordini .

1. Ricerca nuovo produttore carne suina

Sul primo punto all’o.d.g interviene Urbano, referente per l’ordine carne suina, per annunciare che Fanelli , nostro storico fornitore di salumi e carne suina, a giugno cesserà le proprie attività perché va in pensione . Si tratta quindi di trovare un nuovo fornitore che abbia i requisiti corrispondenti ai criteri che il gruppo si è dato. Si apre il dibattito per individuare possibili alternative .
Antonella Palumbo ricorda Marchetti, il produttore precedente a Fanelli, i cui prodotti erano molto apprezzati, ma che abbiamo abbandonato dopo la sua scelta di uscire dal biologico. Poiché è passato molto tempo, si potrebbe provare a inviargli la nostra “scheda dei produttori “ per vedere se la sua situazione è cambiata e se rientra nei nostri criteri .
Fabio Guardabassi propone l’azienda “Fortunato”, un’azienda agro – zootecnica con certificazione biologica che si trova in zona Marcigliana (quindi a km 0), da cui si forniscono anche altri GAS.
In alcuni interventi spunta il nome di Mercuri, l’azienda biologica che già ci fornisce i polli e le uova e che ha anche l’allevamento suino e produce ottimi salumi.
Renato Conti ricorda che anche l’azienda Ferrazza del Casale di Martignano ha un allevamento di suini e un laboratorio di salumeria con certificazione biologica. Tra l’altro in quell’azienda lavorano i ragazzi di Barikama’ , che potrebbero eventualmente collaborare per il trasporto delle merci .
Dopo attenta discussione si decide quindi di inviare a queste aziende la nostra scheda dei produttori per accertare la disponibilità a fornirci i prodotti richiesti, lo stato della certificazione e le modalità di consegna.
Cianfone , attuale referente per polli e uova, contatterà Mercuri. Antonella Palumbo si incarica di sentire Marchetti. Pamela Lesti si prende l’incarico di consultare il Casale di Martignano. Urbano contatterà Fortunato. L’esito di questi contatti verrà comunicato in rete; dopodiché si deciderà quale sarà il nuovo fornitore di salumi e carne suina.

2. Situazione Casale Podere Rosa

Si passa poi al secondo punto all’o.d.g. Francesca Cau interviene per fare il punto della vertenza con il Comune. Gli sfratti esecutivi decisi dall’amministrazione comunale per il momento si sono fermati anche per effetto di una delibera del Consiglio, che impegna la Giunta a istituire un tavolo tecnico per discutere un nuovo regolamento sulle concessioni. Ci sono state manifestazioni e prese di posizione in favore di tutte quelle associazioni che svolgono attività socioculturale e che non possono certo pagare canoni commerciali come quelli richiesti dagli uffici comunali. È stato presentato un ricorso al TAR che verrà discusso nel merito entro aprile. Il giorno 6 maggio ci sarà una manifestazione cittadina organizzata da “Roma bene comune” per chiedere chiarezza e un regolamento nuovo per le concessioni e i nuovi bandi, e a cui sarebbe bene partecipare . Le attività del Casale proseguono quindi anche con nuove iniziative e progetti.

3. Situazione detersivi

Si passa poi a discutere il terzo punto. Fabio interviene per dire che Carla Severi, che si era proposta come referente per l’ordine detersivi, ha lasciato il gruppo ; per cui si rende necessario trovare qualcuno che riprenda a seguire il progetto. In alcuni interventi si sottolinea come i prezzi della “Brillor” la ditta contattata, siano piuttosto alti. Viste le perplessità e in mancanza di proposte precise si decide di sentire in lista qual è l’umore del guppo.

4. Proposta ordine collettivo carta ecologica

Circa il quarto punto all’o.d.g Fabio Guardabassi riferisce della proposta di Nicoletta De Russis di entrare come gruppo in un acquisto collettivo di carta ecologica della ditta Lucart. Si richiedono maggiori informazioni, perché alcuni sostengono che la carta ecologica non può essere usata in contatto con gli alimenti. Dopo aver discusso si decide di richiedere a Nicoletta De Russis (che non ha potuto partecipare all’assemblea) di formulare in rete una proposta precisa. Per la consegna della merce, nel caso si dovesse prelevare da altre parti, si dichiarano disponibili a collaborare Renato Conti e Angelo Chianura.

5. Proposta ordine prodotti cosmetici

Per quanto riguarda la proposta di aprire un ordine per prodotti cosmetici , Francesca Cau ricorda che recentemente in rete Marina Monteacutelli si è proposta di approfondire i contatti con una ditta produttrice di prodotti cosmetici ecologici a basso impatto ambientale che lei conosce. L’assemblea si dimostra interessata e chiede a Marina di fare in rete una proposta precisa in merito.

6. Gestione generale mansioni, attenzione a orari e consegne

Sul punto 6 interviene Fabio Guardabassi per raccomandare a tutti maggior attenzione agli orari, ai turni del venerdì e del sabato e alle date delle consegne, perché recentemente c’è stato qualche problema. Sarebbe buona norma segnarsi sul calendario le date delle varie consegne . A tale proposito Anna Mancini interviene per citare i disguidi verificatisi recentemente alla consegna del pesce, e che hanno indotto la responsabile, Milvia Vincenzini, ad abbandonare il progetto. Francesca Cau interviene per dire che il progetto Fishbox non è un ordine GAABE e non è possibile tenere il pesce nei frigoriferi del Casale per ragioni igieniche e di spazio. Renato Conti chiede di avvertire in rete il gruppo con qualche giorno di anticipo quando il turno del sabato è scoperto.

7. Info fornitura ortaggi consorzio Il Pugnalone

In merito al punto 7, Elsa Addessi, responsabile dell’ordine legumi riferisce che il Consorzio Il Pugnalone si dichiara disponibile a fornire anche ortaggi freschi, come patate, pomodori e fagioli, coltivati con metodo biologico nelle proprie aziende. L’assemblea si dimostra interessata alla proposta e invita Elsa a fare un ordine di prova degli ortaggi freschi.

8. Varie ed eventuali

Per le varie ed eventuali, Renato Conti interviene per comunicare che il dott. Dell’Agli, l’agronomo che segue Barikama’ al Casale di Martignano ha risposto alla nostra richiesta di programmare le colture ortive in base alle nostre esigenze. Piero Cammaroto da lettura della risposta che contiene molte informazioni sulla disponibilità delle varie colture nella stagione primaverile ed estiva . Francesca Cau aggiunge che gli ortaggi di Casale Vecchio saranno disponibili a partire da metà aprile e che per le fragole si potrà ricontattare l’azienda “il papavero ” da cui abbiamo già ordinato gli anni scorsi.
Antonella Palumbo riferisce poi che l’ordine delle mozzarelle di bufala dell’azienda “Pontere’ “ è sospeso perché il GAS Conca d’Oro si è tirato indietro per il prezzo ritenuto troppo alto. Dopo attenta discussione, vista l’alta qualità del prodotto , l’assemblea invita Antonella a riaprire l’ordine , stabilendo però qual è il limite minimo di pezzi da ordinare per non dover pagare un prezzo eccessivo per il trasporto .
Francesca Cau comunica poi che il prezzo del pane del forno “Il Sambuco” per il 2016 non era comprensivo di IVA, per cui chi ha preso il pane l’anno scorso dovrà pagare l’IVA. Si tratta comunque di piccole cifre .
Infine Piero Cammaroto informa che prossimamente si recherà con alcuni amici, per conto di una Onlus di volontariato, in Burkina Faso (Africa subsahariana), ed ha intenzione di portare giocattoli e capi di abbigliamento per un Centro di recupero per bambini malnutriti. Propone quindi di indire nel gruppo una raccolta di giocattoli e indumenti per bambini e ragazzi da 0 a 14 anni. Ricci suggerisce di rivolgersi anche alle parrocchie della zona. L’assemblea si esprime a favore di questa lodevole iniziativa.
Non essendoci altro da deliberare, la riunione termina alle ore 17.

Il segretario Renato Conti

 

Annunci