Assemblea del 28/10/2017

Il giorno 28 del mese di ottobre dell’anno 2017, alle ore 15,30 si riunisce nella sala cinema del Casale Podere Rosa l’assemblea del GAABE per discutere sui seguenti punti all’ordine del giorno:

  1. Finanziamento Il Papavero e acquisto fragole, responsabile argomento: Giuseppe Cammaroto
  2. Verdure che arrivano fresche e che tendono a rovinarsi, responsabile argomento:   Francesca Cau
  3. Racconto (breve) viaggio in Africa del giugno scorso con consegna materiale raccolto presso Casale; responsabile argomento: Giuseppe Cammaroto
  4. Acquisto Carta, Responsabile argomento: Cristina Palumbo
  5. Approvazione ordine prodotti cosmetici e pulizia dopo test, responsabili argomento: Anna e Marina
  6. Situazione Messico post terremoto, responsabile argomento: Fabio Guardabassi
  7. Manutenzione e aggiornamento e possibile snellimento file per gli ordini settimanali, responsabile argomento: Francesca Cau
  8. Organizzazione con calendario e cadenza degli ordini extrasportine. responsabile argomento: Francesca Cau
  9. Turni settimanali del sabato per le informazione e distribuzione sportine, responsabile argomento: Francesca Cau
  10. Varie ed eventuali.

Sono presenti 25 soci. Coordina il dibattito Fabio Guardabassi, funge da segretario Renato Conti.

1. Finanziamento Il Papavero e acquisto fragole, responsabile argomento: Giuseppe Cammaroto
Prende la parola Giuseppe Cammaroto per dire di aver contattato Angelo Savioli, titolare dell’azienda agricola “Il Papavero”, che ci fornisce le fragole, per discutere del piano di prefinanziamento dell’azienda proposto dal Papavero ai diversi GAS di cui è fornitore, e che per il GAABE prevedeva una quota volontaria di 10 Euro a testa, con il prezzo bloccato delle fragole a 6 Euro al chilo. Tale piano ha avuto l’adesione di una quindicina di nominativi, ma poi è stato lasciato cadere, sia per i 10 Euro a fondo perduto, che per il prezzo delle fragole ritenuto un po’ troppo elevato.

Si propone ora di rinegoziare il piano di prefinanziamento, tenendo conto che si tratta di un’azienda che produce fragole e pesche biologiche di alta qualità, ma che sta vivendo un momento molto difficile, con un calo significativo della produzione, dovuto a fattori climatici e forse anche ad errori di programmazione e di gestione. Renato Conti interviene per dire che la visita aziendale effettuata dal GAABE 2 anni fa ha consentito di apprezzare e verificare concretamente la validità di un’azienda che, con la sua fattoria didattica e con le sue scelte coraggiose a favore di un’agricoltura pulita in sintonia con l’ambiente, si pone come un presidio territoriale, che i GAS hanno il dovere di sostenere, tanto più in un panorama agricolo come quello della pianura pontina caratterizzato da un’agricoltura industrializzata, al tempo stesso vittima e causa di inquinamento.

Francesca Cau interviene nel dibattito riportando alcune criticità di natura economica e gestionale, riferite all’esperienza passata del prefinanziamento, e sostenendo che a suo parere l’ordine delle fragole deve essere staccato dagli altri ordini.

Interviene Fabio Guardabassi per proporre di mantenere il prefinanziamento con la quota volontaria di 10 Euro a testa, a condizione però che in tale quota sia compreso un chilogrammo di fragole.

Dopo lunga e attenta discussione l’assemblea decide all’unanimità di approvare la proposta di Fabio, che Giuseppe Cammaroto si incaricherà di sottoporre all’attenzione del sig. Savioli. Fabio penserà poi a modificare il relativo file.

2. Verdure che arrivano fresche e che tendono a rovinarsi, responsabile argomento:   Francesca Cau
Interviene Francesca Cau, responsabile degli ordini e della composizione delle sportine, facendo il punto della situazione delle aziende fornitrici. La frutta la prendiamo principalmente da Biosolidale e SemiABio, mentre le verdure le prendiamo da Barikamà / Ferrazza. In questo periodo Casale Vecchio non produce quasi nulla. La composizione delle sportine dipende da cosa le aziende producono. La grande siccità del periodo estivo ed autunnale ha condizionato negativamente le produzioni ortofrutticole, sia per la quantità che per la qualità. Alcune verdure arrivano fresche ma deperiscono rapidamente, a volte anche a causa delle condizioni climatiche. Per sopperire a tale problema servono alcuni accorgimenti come mettere le verdure in acqua o cuocerle subito.

Alcuni si lamentano della ripetitività di alcune verdure (ad es. la cicoria) nelle sportine. Si discute in merito e si propone di scegliere se possibile le sportine grandi, che presentano maggior variabilità di prodotti, oppure di proporre lo scambio di frutta e verdura tra i gaabisti della settimana.

Tutta l’assemblea comunque dà atto di aver riscontrato un grande miglioramento nella qualità generale delle sportine, da quando la gestione è passata al Casale.

Francesca sottolinea in particolare la grande e positiva evoluzione di Barikamà, dallo sfruttamento nelle campagne alla cooperativa impegnata nella produzione ecosostenibile; una vicenda a cui il GAABE ha dato un contributo non indifferente, dando concreta attuazione a uno dei principi fondanti del movimento dei GAS: sostenere le piccole imprese agricole locali fatte da persone che si conoscono direttamente.

Francesca riporta inoltre i dati di alcune statistiche riguardanti il gruppo, da cui si evince ad es. la tendenza ad una maggior costanza nel prenotare le sportine settimanali, che spesso superano le 40. Questo, a suo parere, è un dato molto positivo perché significa maggior partecipazione, crescente sostegno alle aziende fornitrici, graduale recupero del deficit e riduzione degli sprechi.

3. Racconto (breve) viaggio in Africa del giugno scorso con consegna materiale raccolto presso Casale; responsabile argomento: Giuseppe Cammaroto
Prende la parola Giuseppe Cammaroto, che riferisce del viaggio effettuato in Burkina Faso (Africa subsaharina), per conto dell’associazione “ Wend Barke”, di cui è uno dei fondatori. In questo viaggio egli ha portato giocattoli e vestiti per bambini raccolti e offerti da alcuni soci del GAABE. Si tratta di una ONLUS formata da 15 soci volontari, con lo scopo di raccogliere fondi destinati a progetti in ambito scolastico – educativo e di sviluppo e sostegno alle comunità locali di alcune zone del Burkina Faso, ad es. costruzione di scuole, pozzi, macine, adozioni a distanza e fornitura di materiale scolastico per bambini di famiglie disagiate. Viene quindi visionato il video del viaggio di Giuseppe e dei suoi amici in Burkina Faso. Tra l’altro, Giuseppe mostra una confezione di burro di karitè, prodotta dalle suore missionarie partner locali dell’associazione

L’assemblea del GAABE esprime apprezzamento per le attività della ONLUS “Wend Barke”, e si impegna a sostenerla fornendo giocattoli e vestiti in occasione del prossimo viaggio in Africa, e acquistando il burro di karitè nella bella confezione natalizia preparata dalle suore, al prezzo di 10 Euro a confezione.

4. Acquisto Carta, Responsabile argomento: Cristina Palumbo
Fabio Guardabassi riferisce che diversi GAS di Roma si stanno organizzando per effettuare un acquisto in comune di articoli di carta dalla ditta Lucart, caratterizzati dal fatto di essere ecologici e con carta riciclata, senza coloranti o sbiancanti, con certificazione Ecolabel. Si tratta di un ordine collettivo, che comporta problemi organizzativi, dovuti alle confezioni di grandi dimensioni e al ritiro della merce in un’altra zona della città. Sarà importante comunque mantenere i contatti con gli altri GAS che organizzano l’ordine collettivo.

L’assemblea del GAABE esprime interesse per tale acquisto e incarica Cristina Mechelli Palumbo di contattare la ditta Lucart, per avere maggiori informazioni sulla tipologia dei prodotti, sulle confezioni e sull’ordine minimo effettuabile.

5. Approvazione ordine prodotti cosmetici e pulizia dopo test, responsabili argomento: Anna e Marina
Anna Caragnano e Marina Montacutelli affermano che l’ordine di prova dei prodotti Thea Natura ha riscosso un buon interesse da parte dei soci del GAABE, che hanno manifestato un generale apprezzamento per la qualità e il valore ecologico di tali prodotti. Si tratta ora di aprire un nuovo ordine, tenendo conto della vasta tipologia di prodotti del listino, in cui sono inseriti anche profumi, solari e creme cosmetiche.

Francesca Cau chiede di accertare la provenienza delle materie prime usate per fabbricare i prodotti, ed in particolare di verificare se le materie prime sono prodotte secondo i principi del commercio equosolidale, e cioè nel rispetto dell’ambiente, dei diritti e della dignità dei lavoratori. Su questo e su altre questioni relative alle caratteristiche “bio” dei prodotti e della materie prime, Anna e Marina si propongono di approfondire e di fornire quanto prima in rete adeguate informazioni.

Dopo attenta discussione si propone di effettuare tre ordini all’anno e di prendere in considerazione solo i flaconi piccoli o al massimo il formato per famiglie (di 5 litri). La consegna avviene tramite corriere. Fabio propone di suddividere il file dell’ordine in più pagine, una per ogni categoria di prodotti. Si decide di effettuare il primo ordine per Natale.

6. Situazione Messico post terremoto, responsabile argomento: Fabio Guardabassi
Sulla situazione in Messico dopo il terremoto nelle zone di produzione del caffè Tatawelo riferisce il responsabile Fabio Guardabassi. Nel Chiapas, regione lontana e politicamente distante dalla capitale Città del Messico, la situazione è molto dura. Gli aiuti umanitari vengono “filtrati” dalle autorità governative e spesso non arrivano a destinazione. L’associazione Tatawelo è riuscita ad aprire alcuni canali indipendenti di passaggio degli aiuti alle piccole comunità che coltivano il caffè, fondi destinati soprattutto alla ricostruzione delle case danneggiate dal sisma. L’obiettivo è quello di raccogliere quest’anno almeno 100.000 Euro. Anche noi parteciperemo con una donazione. Fabio si farà carico di preparare il file, raccogliere i soldi ed effettuare il bonifico.

7. Manutenzione e aggiornamento e possibile snellimento file per gli ordini settimanali, responsabile argomento: Francesca Cau
Francesca Cau dichiara che il file per gli ordini settimanali va revisionato, perché presenta alcuni difetti. Per mancanza di tempo la discussione in merito è rinviata alla prossima assemblea.

8. Organizzazione con calendario e cadenza degli ordini extrasportine. responsabile argomento: Francesca Cau
Al fine di migliorare l’organizzazione delle consegne, Francesca propone che ogni responsabile faccia un calendario degli ordini, e che la consegna avvenga sempre in presenza del responsabile, compresi gli ordini che prevedono il pagamento al banco del mercatino.

9. Turni settimanali del sabato per le informazione e distribuzione sportine, responsabile argomento: Francesca Cau
Si discute sui turni settimanali del sabato, e si decide che è importante che ci siano sempre due persone. Si invitano perciò tutti coloro che ancora non hanno effettuato il turno a segnarsi nell’apposito file.
Clicca qui per segnare il tuo turno.

Non essendoci altro da discutere, la riunione termina alle ore 17.

Il segretario
Renato Conti

Annunci